sfondo studio legale online
menu studio legale  MENU

domande e risposte DOMANDE E RISPOSTE / CONDOMINIO

Con quali criteri vengono ripartite le spese del condominio?

Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti condominiali dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza, salvo diversa convenzione, sono sostenute dai cond˛mini in misura proporzionale al valore (espresso in millesimi) della proprietÓ di ciascuno.

Se si tratta di cose destinate a servire i cond˛mini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione all'uso che ciascuno pu˛ farne.

Qualora un edificio abbia pi¨ scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condomini che ne trae utilitÓ.

Il condomino non pu˛, rinunziando al diritto sulle cose anzidette, sottrarsi al contributo nelle spese per la loro conservazione (art. 1118 c.c.).

Le scale sono mantenute e ricostruite dai proprietari dei diversi piani a cui servono. La spesa relativa Ŕ ripartita tra essi, per metÓ in ragione del valore dei singoli piani o porzioni di piano, e per l'altra metÓ in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo. Al fine del concorso nella metÓ della spesa, che Ŕ ripartita in ragione del valore, si considerano come piani le cantine, i palchi morti, le soffitte o camere a tetto e i lastrici solari, qualora non siano di proprietÓ comune.

Le spese per la manutenzione e ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai sono sostenute in parti eguali dai proprietari dei due piani l'uno all'altro sovrastanti, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l'intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto.
Quando l'uso dei lastrici solari o di una parte di essi non Ŕ comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l'uso esclusivo sono tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico. Gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell'edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno.

In caso di mora nel pagamento dei contributi, che si sia protratta per un semestre, l'amministratore, se il regolamento di condominio ne contiene l'autorizzazione, pu˛ sospendere al condomino moroso l'utilizzazione dei servizi comuni che sono suscettibili di godimento separato. Chi subentra nei diritti di un condomino Ŕ obbligato, solidalmente con questo, al pagamento dei contributi relativi all'anno in corso e a quello precedente (art. 63 disp. att. c.c.).

Il condomino che ha fatto spese per le cose comuni senza autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa urgente (art. 1134 c.c.).

Autore: Avv. Andrea Tot˛
Ultima modifica: 25/07/2017

indietro avanti

avvisoATTENZIONE: I contenuti di questa pagina si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato. Per ottenere un parere legale in ordine alla questione giuridica che interessa Ŕ possibile richiedere una consulenza legale on-line oppure fissare un appuntamento con un avvocato del nostro studio legale presso la sede di Milano o di Roma.
Gli autori declinano ogni responsabilitÓ per errori od omissioni, nonchÚ per un utilizzo improprio o non aggiornato delle presenti informazioni.

©2003-2017 / Studio Legale online / Roma / Milano
Tutti i diritti riservati / All Rights Reserved

W3 validator

Privacy / Informazioni legali / Deontologia